+ 39 071 501351

Elisa Magrini Personal Assistant

Via XXIX Settembre, 16 Ancona

Incertezza e Rischio

8 Feb

Incertezza e Rischio

Come già enunciato in un precedente articolo, in Italia la liquidità dei depositi e conti correnti bancari ha raggiunto 1.400 miliardi di euro. Ancora una volta, questo dato conferma che non è la pianificazione a guidare le decisioni finanziarie e di investimento del risparmiatore italiano, ma la paura degli imprevisti, del “non si sa mai”.

Il Prof. Stefano Zamagni, noto economista di fama mondiale, specializzatosi ad Oxford, primo italiano Presidente della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, nonché docente di Economia Politica presso l’Università di Bologna, conferma che questo comportamento degli italiani nei confronti del risparmio deriva principalmente dalla mancanza di fiducia e dal fatto che l’incertezza ha preso il sopravvento sul rischio. Infatti, continua il professore, molti confondono l’incertezza con il rischio, che, in effetti, c’è sempre stato e rappresenta la paura che qualcosa vada storto. D’altronde, a differenza dell’incertezza, il rischio può essere calcolato e valutato; l’incertezza, invece, è legata ad eventi futuri, che non hanno alcun collegamento con quanto avviene oggi o accaduto già in passato. Il rischio si può assicurare e, infatti, le società di Mutuo Soccorso sono nate proprio per questo; d’altro canto, invece, non ci sarà mai nessuna Compagnia di Assicurazione disposta ad “assicurare l’incertezza”, ovvero quei fenomeni che, per definizione, non sono prevedibili.

Che sia l’incertezza lo stato d’animo dominante lo si deduce anche dall’ultimo rapporto Censis nel quale, in merito al consumo di ansiolitici e sedativi in Italia, è presente un dato allarmante: rispetto al 2015, oggi ci sono 800.000 italiani in più che ne fanno uso!

Il Prof. Zamagni afferma che, in un mondo in cui la complessità sembra indecifrabile, diventa sempre più cruciale il ruolo dell’Economia; di quella “economia”, però, di cui parlava Aristotele, che la definiva come quella particolare “arte”, oggi diventata materia tecnica, che aveva lo scopo di migliorare le condizioni di vita delle persone e delle comunità.

Anche nell’ultimo rapporto Consob del 2019, assieme alla constatazione della mancanza di pianificazione e di un livello molto contenuto di cultura finanziaria, si segnala che il 31% degli italiani risparmia per motivi precauzionali e a causa dell’incertezza del domani, anche se, come ci ricorda uno studio svolto dalla Università della Pennsylvania, il 91% dei fatti negativi di cui ci si preoccupa non accadrà mai!

Come afferma il Prof. Zamagni, possiamo concludere che il futuro è programmabile ed è determinato dalle scelte di oggi e, come scrisse James Joyce, “domani saremo ciò che, oggi, abbiamo scelto di essere”.

Diadmin

Sin dal 1991, cioè dal primo momento in cui ho pensato di intraprendere l’attività di Consulente Finanziario, ho sempre creduto che, se mai un giorno quel progetto si fosse realizzato, avrei dovuto pormi un obiettivo prioritario: diventare il riferimento per tante famiglie che desiderassero mettere al sicuro i propri risparmi, per il raggiungimento, un domani, dei loro obiettivi più importanti. Oggi, più che mai, il ruolo del Consulente Finanziario è diventato sempre più centrale per le decisioni di investimento e per il raggiungimento ed il mantenimento del benessere di una famiglia. Molte caratteristiche dell’attività che svolgo si sono evolute nel corso degli anni, ma rimane fermo l’obiettivo di fornire un contributo per diffondere cultura finanziaria tra i risparmiatori. Infatti, credo che cultura finanziaria e difesa del risparmio delle famiglie, frutto sempre di sudore e sacrifici, siano tra loro inscindibili. La difesa del risparmio diventa ancora più importante quando si presenta una crisi economica e finanziaria. Per onestà intellettuale bisogna ammettere che quasi mai si è in grado di prevederla, ma, per fortuna, esistono accorgimenti che possiamo adottare per ridimensionare il loro impatto sul patrimonio. Come diceva Aristotele, “Se non possiamo cambiare il vento (cioè la crisi) …” almeno cerchiamo di “… dispiegare le vele nella giusta direzione”.

Scrivi una risposta